Dobbiamo innanzitutto fare una distinzione tra una visita oculistica e una visita optometrica. La visita oculistica, effettuata appunto dal medico oculista, valuta le condizioni generali di salute dell’occhio, l’acutezza visiva e soprattutto se vi sono o meno patologie di diversa entità. La visita optometrica invece si basa esclusivamente sula valutazione dello stato refrattivo dell’occhio del paziente. L’optometrista, dopo aver raccolto tutte le informazioni sulla salute degli occhi del paziente, esegue un esame attraverso alcuni test (i 21 punti dell’analisi visiva) per constatare a che livello è l’efficienza visiva del soggetto. Attraverso i risultati di questi test, è possibile procedere con esattezza nella scelta delle lenti e dei metodi correttivi più idonei per ogni caso.

Sono quindi due procedure diverse ma entrambe assolutamente fondamentali per salvaguardare, prevenire e curare la salute dei nostri occhi.

Visita optometrica per la salute dei nostri occhi

Svolgere periodicamente una visita optometrica è importante per diversi motivi, primo fra tutti quello per cui a volte da soli non siamo in grado di comprendere realmente se ci sono delle piccole anomalie nella nostra vista. L’occhio umano infatti, soprattutto nel caso di lievi difetti, ha una naturale capacità di compensare e adattarsi per riuscire a mettere a fuoco; questo però a scapito di uno sforzo eccessivo della nostra vista. Svolgere quindi una periodica visita, ci permette di tenere sotto controllo la nostra vista ed eventualmente intervenire dove necessario. L’importanza di effettuare questa visita non riguarda solo gli adulti ma anche i bambini, in quest’ultimi un difetto visivo non corretto può portare a uno sviluppo oculare limitato. Un bambino con una miopia non corretta è scientificamente provato che svilupperà un difetto visivo maggiore rispetto a chi invece ha utilizzato ausili opportuni. In questo caso saranno i genitori a monitorare piccoli atteggiamenti che inducono a pensare ad eventuali difetti visivi del proprio bambino.

Segnali e prevenzione

Anche se si è convinti di vedere bene quindi, è importante monitorare
e accorgersi di alcuni sintomi frequenti quali mal di testa, bruciore agli occhi, difficoltà di messa a fuoco e così via. Nei bambini invece, i genitori dovranno tener conto di eventuali campanelli di allarme come la difficoltà nella lettura o la tendenza a saltare o invertire le lettere, o ancora lacrimazione e bruciore ricorrente agli occhi. Presso il Centro Ottico Enrica Bracco, con sedi a Savona ed Alessandria, potrete trovare macchinari di ultima generazione e all’avanguardia insieme a personale altamente qualificato in grado di svolgere dettagliate visite optometriche. Visitate il nostro sito per trovare il centro più vicino a voi o non esitate a contattarci per informazioni o per prenotare la vostra visita al numero +39 019.2512396