L'ipovisione è una condizione di acutezza visiva molto limitata, bilaterale e irreversibile, che comporta notevoli conseguenze sulla vita quotidiana di chi ne soffre. Può essere causata da vari fattori, sia congeniti che acquisiti, e comporta una forte riduzione della vista anche a seguito di patologie che possono colpire diverse strutture oculari, che vanno dalla cornea alla retina fino al nervo ottico. L’ipovisione è oggi una patologia che rappresenta un vero e proprio problema sociale, coinvolge infatti un numero rilevante di soggetti in diverse fasce di età, e dai dati statistici risulta che, a livello mondiale, una persona su 14 soffre di questa patologia.

Campo visivo e cause dell’ipovisione

L’acutezza visiva, è definita come la capacità dell’occhio di risolvere e percepire dettagli fini di un oggetto e viene misurata in decimi. Le diottrie, invece, rappresentano l’unità di misura delle lenti correttive. Quando l’occhio ha un difetto di refrazione, come ad esempio miopia, ipermetropia e astigmatismo, le lenti correttive consentono di compensare il difetto; in presenza di particolari patologie oculari invece, nonostante le lenti, non è sempre possibile per il paziente raggiungere un’acuità visiva soddisfacente.  Il campo visivoinvece è la regione di spazio che può essere percepita dall’occhio quando si fissa un punto. Più ci si allontana dalla visione centrale, minore è la qualità visiva e la sensibilità retinica. Quando si soffre di ipovisione, il campo visivo può essere ridotto a tal punto che ad esempio si riesce a vedere il viso di una persona ma non il colore dei suoi occhi, non si riconoscono i volti delle persone che si conoscono, si riesce a leggere solo i titoli dei giornali ma non il testo, si ha timore di attraversare la strada perché non si ha una visuale totale ma solo parziale del contesto circostante. Le cause dell’ipovisione sono tante, tuttavia le principali sono legate ad alcune patologie come la cataratta o patologie che riguardano la retina come la retinopatia diabetica e la degenerazione maculare senile. Altre cause sono da individuare, seppur in diminuzione, nelle patologie corneali (cheratocono, leucomi, esiti di traumi o infezioni), o ancora in patologie che incidono sul campo visivo come il glaucoma o la retinite pigmentosa.

Ipovisione e l’importanza della prevenzione

Quando si parla di ipovisione bisogna prendere in considerazione non solo l’acuità visiva, ma anche la qualità del visus, la percezione dei colori, la sensibilità al contrasto e il campo visivo che possono determinare singolarmente deficit visivi gravi di ipovisione. Anche se oggi si pratica la riabilitazione visiva per aiutare coloro che soffrono di questa patologia, è possibile comunque attraverso la prevenzione e regolari e costanti visite oculistiche dettagliate (che comprendono anche la tonometria: ovvero la misurazione della pressione intraoculare, la dilatazione della pupilla con valutazione del fondo oculare) accorgersi per tempo di eventuali anomalie che indicano un fattore di rischio per una conseguente patologia di ipovisione. Presso il Centro Ottico Enrica Bracco, con sedi a Savona ed Alessandria, potrete trovare macchinari di ultima generazione e all’avanguardia insieme a personale altamente qualificato in grado di svolgere dettagliate visite optometriche. Visitate il nostro sito per trovare il centro più vicino a voi o non esitate a contattarci per informazioni al numero +39 019.2512396.