L’ipermetropia, che letteralmente significa “vedere oltre misura”, è un difetto refrattivo dell’occhio che comporta tendenzialmente problemi di visione da vicino, ed è dovuto a tre cause principali: una curvatura corneale insufficiente, un cristallino mal formato o da una lunghezza del bulbo oculare inferiore al necessario, a causa della quale la luce che passa attraverso le pupille viene messa a fuoco al di là della retina. In alcuni casi, questo disturbo se lieve può non dare sintomi e non richiedere correzioni, altre volte invece, quando la visione è notevolmente sfocata, è necessario l’utilizzo di occhiali o lenti a contatto adatte alla propria gradazione per aiutare l’occhio a compensare.

Quando è necessario intervenire

L’ipermetropia, solitamente di natura congenita ed ereditaria, può essere molto lieve e non dare sintomi o addirittura, soprattutto in giovane età, essere in grado di compensarsi da sola, grazie alla capacità dell’occhio di correggere la messa a fuoco attraverso un meccanismo di compensazione fisiologico che modifica la curvatura del cristallino, chiamato accomodazione. Purtroppo però, soprattutto dopo i 40 anni, questa capacità viene sempre meno, e quando l’occhio comincia a sforzarsi eccessivamente e a presentare sintomi come lacrimazione, mal di testa, bruciori, ipersensibilità alla luce e una visuale sempre meno a fuoco, è segno che bisogna intervenire per correggere il proprio difetto visivo. Il primo passo è sicuramente una visita optometrica, in grado di quantificare l’entità dell’ipermetropia ed indicare la giusta gradazione di lenti da indossare per correggere e mettere a risposo i nostri occhi.

Correzione con le giuste lenti

L’ipermetropia si misura in diottrie, più forte è il difetto e maggiori sono le diottrie necessarie per la sua correzione. Durante la visita infatti, viene accertata l’acutezza visiva e viene stabilito il potere diottrico, indicato con il segno positivo più (+), che la lente deve avere per correggere la vista. Dopo la sua misurazione, viene solitamente prescritta una lente positiva (lente convergente) grazie alla quale i raggi di luce vengono correttamente deviati in modo da confluire esattamente sulla retina.

Presso il Centro Ottico Enrica Bracco, con sedi a Savona e ad Alessandria, potrete trovare macchinari di ultima generazione e all’avanguardia, insieme a personale altamente qualificato in grado di aiutarvi sia nella fase di visita, che nella scelta delle giuste lenti per correggere la vostra vista.  Visitate il nostro sito per trovare il centro più vicino a voi o non esitate a contattarci per informazioni al numero +39 019.2512396.